Filippa Km Filippa Km Morgan Low Trainers White Morgan Bassi Formatori Bianco V0kSV

SKU-34621-fvm14986
Filippa Km. Filippa Km. Morgan Low - Trainers - White Morgan Bassi - Formatori - Bianco V0kSV
Filippa
Facebook Twitter Google+ RSS
Il Messaggero
0

ACCEDI AL IL MESSAGGERO

Non hai ancora un account con il Messaggero ? REGISTRATI ORA
Messaggero Digital
Il Messaggero > Primo Piano > Politica
Spettatori interessati del nuovo round di incontri domani al Quirinale saranno i parlamentari sospesi dal Movimento 5 Stelle e confluiti nel Maie, componente del gruppo Misto alla Camera. I 5 deputati grillini "ripudiati" sono Silvia Benedetti, Salvatore Caiata, Andrea Cecconi, Antonio Tasso e Catello Vitiello. A questi si aggiungono i senatori Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, entrambi coinvolti nella vicenda delle restituzioni 'fakè e per questo scomunicati dal leader Luigi Di Maio. Dopo un primo incontro nei giorni scorsi, domani pomeriggio, dopo la sfilata delle delegazioni dei partiti al Colle, gli ex deputati grillini si incontreranno per tirare le somme e decidere quale linea tenere, sulla base degli elementi che emergeranno dalle nuove consultazioni per la formazione del governo. I riflettori sono puntati su Salvatore Caiata, indicato dagli ex deputati grillini come loro 'rappresentantè all'interno del Misto. Una specie di 'portavocè delle istanze del gruppetto di eletti. Le mosse dei 'sospesì del M5S restano sotto la lente di ingrandimento delle forze politiche, tutte alla ricerca di 'responsabilì da arruolare per le più svariate maggioranze. Evocati da Silvio Berlusconi a più riprese e oggetto del corteggiamento di tutti gli aspiranti scout per formare il governo, gli ex grillini non prendono posizione ufficialmente e guardano ai temi al centro dell'agenda del prossimo esecutivo. «La nostra bussola è il programma», afferma all'Adnkronos a taccuini chiusi uno dei 5 deputati eletti col M5S e ora nel Misto. Al momento però il patron del Potenza Calcio Caiata non si sbilancia e preferisce restare in silenzio: «Appena sarà il momento chiariremo la nostra posizione», risponde così all'Adnkronos alla domanda su quale sarà l'orientamento della compagine degli ex grillini qualora dovesse vedere la luce un esecutivo 'di treguà. In questo momento nella compagine dei 'sospesì regna un clima di attesa. I parlamentari del Maie aspettano che sia trovata la quadratura del cerchio, poi passeranno all'analisi delle proposte dei vari partiti: «Innanzitutto - fanno sapere dal gruppo - bisogna capire a chi Mattarella darà l'incarico, perché ci sono troppe variabili in campo». «Il nostro - spiega un ex grillino - è un approccio attendista, con la fermezza di non doversi sentire per forza 'responsabilì alla vecchia maniera. Aspettiamo di sapere quale sarà il programma dell'eventuale governo e dove vuole andare a parare». Le posizioni in campo e le relative sfumature però variano. C'è chi dice di preferire un governo politico a un esecutivo di larghe intese o di tregua. «Questi governi non mi entusiasmano: i cittadini non si meritano un'altra esperienza come quella di Monti», rimarca un esponente del Maie, che aggiunge: «L'elettorato ha detto che il primo partito è il M5S e la prima coalizione è quella del centrodestra. Chi ha vinto deve essere messo nelle condizioni di provare a fare un governo politico». Tra gli ex grillini c'è anche chi preferisce rimanere fedele alla linea tracciata dal Movimento 5 Stelle, che finora si è detto indisponibile ad appoggiare un eventuale governo di tregua: «Io tengo quella linea lì. Se il Movimento decide di appoggiare un governo, lo appoggio; se decide di non appoggiare, non lo appoggio», ha detto chiaro e tondo all'Adnkronos il deputato Andrea Cecconi. Per avere una posizione unitaria non resta dunque che aspettare la giornata di domani, quando alle consultazioni dei partiti tra gli arazzi del Quirinale seguiranno quelle in forma ridotta degli ex grillini sui divanetti di Montecitorio.
Domenica 6 Maggio 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
Il messaggero Video
+ VAI A TUTTI I VIDEO

249.000 €

Accedi Yourturntrainers Verde rjBLgqMU
Accesso redazionale
Ciao,

Noi Provincia Pavese

Denuncia di una nonna: «Poi gli hanno rubato la cartella». Autoguidovie: «Forse malinteso, pronti a incontrare la famiglia» di Giacomo Bertoni

PAVIA. Dimentica la tessera dell’abbonamento, sale lo stesso sull’autobus, ma dopo poche fermate il controllore lo scopre e lo costringe a scendere. Il protagonista della vicenda ha solo 11 anni, e a raccontarla è la nonna che ora chiede conto a Autoguidovie: «Mio nipote voleva acquistare il biglietto a bordo, ma l’autista non ne aveva. Il controllore non gli ha neanche lasciato il tempo di spiegare la situazione e lo ha fatto scendere». Gabriele Mariani, direttore operativo Autoguidovie promette un interventpo rapido: «Siamo molto dispiaciuti per quanto è avvenuto, verificheremo ogni aspetto della vicenda, perché episodi di questo tipo non devono più accadere». Il bambino, che frequenta le medie, venerdì ha preso l’autobus 1C in viale Ludovico il Moro per tornare verso casa, nell’hinterland di Pavia.«Erano circa le 14, aveva dimenticato a casa l’abbonamento - racconta la nonna - quindi ha chiesto all’autista se poteva acquistarne uno a bordo, ma l’autista non ne aveva. Allora è rimasto sul mezzo con i soldi contati ma in Strada Nuova, all’altezza del Demetrio, è salito un controllore». Il bambino, secondo il racconto della nonna, avrebbe subito mostrato i soldi: «Ma il controllore non gli ha dato neanche il tempo di spiegarsi e lo ha costretto a scendere immediatamente dall’autobus. Con tutti quelli che ogni giorno non pagano, è inaccettabile questo accanimento contro un bambino di 11 anni, che non ha avuto neanche la forza di rispondere». Lo spavento per il bambino però non è finito lì: «Ha poggiato a terra la cartella di scuola per chiamare la mamma al lavoro - racconta la nonna - era molto spaventato e non sapeva bene cosa fare. Appena ha chiuso la telefonata ha scoperto che la cartella gli era stata rubata». All’interno non c’erano soldi, ma alcuni oggetti importanti per il bambino, come i quaderni di scuola, i suoi documenti e la sua copia delle chiavi di casa. «Siamo molto dispiaciuti per quanto è avvenuto - spiega Mariani - abbiamo deciso di prolungare la vendita dei biglietti a bordo senza maggiorazione e oltre gli orari consueti (da inizio servizio alle 7.30 e dalle 19.30 a fine servizio nei giorni feriali, tutto il giorno nei giorni festivi ndr ) proprio per venire incontro ai viaggiatori. Abbiamo già avviato tutte

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro

Dialoghi e monologhi realmente accaduti trann...

Narrativa
Goletta Verde: diario di bordo Dritto rovescio
    Parlano di noi
Puoi fidarti

Molti dei voli e dei pacchetti con volo incluso offerti sul presente sito godono della protezione finanziaria del programma ATOL (nello specifico, numero ATOL di Secret Escapes 11257). Tuttavia, la protezione ATOL non si applica a tutti i servizi di viaggio e vacanza presenti sul sito. Ti invitiamo quindi a chiederci conferma di quale protezione si applica alla tua prenotazione. Se non ricevi un Certificato ATOL, allora la prenotazione non sarà protetta da ATOL. Se ricevi un Certificato ATOL ma non tutte le parti del tuo viaggio sono elencate sullo stesso, tali parti non saranno protette da ATOL. Ti invitiamo quindi a verificare le tue condizioni di prenotazione, e per maggiori informazioni sulla protezione finanziaria offerta dal Certificato ATOL consultare il sito www.atol.org.uk/ATOLCertificate.

Secret Escapes

Collezioni

© Copyright 2018 Secret Escapes

Italia